VERSIONE MOBILE
Lunedì 22 Dicembre 2014                     
HOME › EDITORIALE
Nato a Milano nel 1978, Federico Casotti è dal 2004 anchorman e telecronista di Sportitalia. Voce della Ligue 1 dal 2010, autore dell'e-book "Parigi non è stata fatta in un giorno", edito da Amazon. Twitter@federicocasotti
29.06.2012 00:49 di Federico Casotti articolo letto 3373 volte

I luoghi comuni sono fatti per essere smentiti, ma anche no. Noi italiani ci teniamo con immenso piacere tutti gli stereotipi che la Bild, ormai neanche più tanto originale, pesca  ogni volta che affrontiamo la Germania, ma in cambio non transigiamo su una cosa: a calcio, cascasse il mondo (o anche solo l’Europa), vinciamo noi. E costringiamo Gary Lineker a correggere la sua famosa frase: "Il calcio è un gioco semplice: 22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti e, alla fine, vincono i tedeschi". Quando non giocano contro l'Italia, però.


Sarò franco: stavolta non me l'aspettavo. Credevo che la legge dei grandi numeri prima o poi avrebbe prevalso, a maggior ragione nella serata di Varsavia, dove l'istantanea della vigilia raffigurava da un lato una Nazionale più determinata che talentuosa, oltre che afflitta dal problema del gol, e dall’altra una squadra schiacciasassi, ambiziosa, formata da giovani in ascesa, pronti a toccare l’apogeo. Credevo che i due giorni in meno di riposo avrebbero presto o tardi presentato il conto, anche perché mentre Prandelli aveva confermato 10/11, Loew ritirava fuori dalla bambagia Podolski e Gomez (ma non Mueller!), dopo averli preservati contro la Grecia in quella che a posteriori appare come una sfacciata e incauta manifestazione di forza. Invece la Germania è apparsa la copia stordita di sé stessa, brancolante nel buio in difesa, smarrita in avanti, e quel che è peggio poco combattiva nel suo insieme.


La partita l’abbiamo vista tutti: dell’Italia vorrei però sottolineare la compattezza della sua ideale “colonna vertebrale”. Buffon è stato decisivo sin dall’inizio, e per 90’ ha dato una sicurezza enorme al resto della squadra, attento sui palloni alti e reattivo sulle conclusioni in porta. La coppia difensiva centrale Bonucci-Barzagli ne ha giovato a piene mani, ripetendo contro un avversario più probante la prova ermetica vista con l’Inghilterra, mentre a centrocampo Andrea Pirlo è stato dilagante, molto più positivo rispetto a domenica, quando prima del proverbiale “cucchiaio” aveva offerto una prova sul filo della sufficienza. Significativo e non casuale: la struttura portante della Nazionale prandelliana attinge in abbondanza dalla Juventus campione d’Italia. Piaccia o no, è così da sempre: quando c’è una grande Nazionale (1982, 2006, 2012, per tacere degli anni’30) è perché alla base c’è una grande Juventus.


In attacco si è invece finalmente materializzata l’utopia rincorsa da Cesare Prandelli da nove mesi a questa parte, da quando cioè Giuseppe Rossi, rompendosi il ginocchio, fece capire al Ct che l’unica via percorribile era la coppia Cassano-Balotelli. Un azzardo, dove il confine tra trionfo e disastro era così sottile da non essere nemmeno visibile, e che a Varsavia ha fatto la sua scelta. L’azione del primo gol ha un che di epifanico, nel senso joyciano del termine: il palleggio limpido di Cassano, lo stacco di Balotelli, l’esultanza di SuperMario, la certezza che da lì in poi tutto fosse più chiaro. Più chiaro di così: il tiro del 2-0 di Balotelli poteva essere tamponato da un panzer tedesco, poteva svirgolare penosamente in fallo laterale, è finito diretto nel sette, e filava fortissimo pure nel replay. 


Vorrei scrivere di più, ma no, non è ancora il momento. Buffon e Pirlo, gli eroi di Berlino, fanno ora da pompieri, alla faccia di chi dice che troppi trionfi riempiono la pancia. Loro per primi sanno la differenza tra “è stato bello” ed “è stato bello lo stesso”. E non si tratta solo di due parole in più.


Altre notizie - Editoriale
EDITORIALE, 02.07 11:00 - Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro bicchieri di amaro (o di sherry andaluso, fate voi) hanno...
EDITORIALE, 01.07 09:30 - Ci siamo davvero, e alzi la mano chi aveva previsto gli azzurri all'atto conclusivo di stasera. Poi la abbassi, perchè voglio venire a stringerla. La finale di Kiev ci vede sfavoriti, è indubbio, ma non spacciati, e non solo perchè nelle finali può succedere di...
EDITORIALE, 28.06 08:30 - Hai voglia a dire che i luoghi comuni sul calcio sono, appunto, stereotipi e in quanto tali hanno un valore relativo. Il Portogallo ieri ha buttato via un’occasione clamorosa per scrivere la propria storia, e non solo la sua, andando a cozzare sui suoi storici limiti. Esattamente come senti...
EDITORIALE, 27.06 09:00 - E’ troppo fresco il ricordo delle due semifinali di Champions League per poter soppesare con superficialità le partite che determineranno la finalissima di Euro 2012. Il piano di lettura, se non analogo, è quantomeno simile: due favorite abbastanza chiare, che hanno sin qui...
EDITORIALE, 26.06 07:45 - Due giorni senza partite sono pericolosissimi, perchè scatenano la mia passione per la ricerca di statistiche e dati sui quali provare a riflettere. Sono andato a spulciare le rose delle quattro semifinaliste di Euro 2012, e ho trovato sufficiente materiale di discussione. E'...
L'ITALIA VINCERà EURO 2012?
  Sì
  No

EURO 2012: IMPRESSIONI DI FINE CORSA

Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro b...

CRACOVIA, LA LIBIDINE DEL GIORNO DOPO

La libidine del giorno dopo. Siamo in finale ad Euro 2012, non l’avrei mai detto prima di partire. Ma questa Nazionale ha saputo stupire, farsi amare, incondizionatamente. Il sole che riscalda il venerdì cracoviano è...
Get Adobe Flash player

DISFATTA ITALIA, A KIEV FINISCE 4-0: LA SPAGNA È CAMPIONE D'EUROPA

Temperatura gradevole, ambiente gioioso sugli spalti. Da una parte e dall'altra. Perché una finale è un momento storico, da conservare nel cuore, al di là del risultato. A Kiev si gioca Italia-Spagna. Stadio pieno in ogni ordine di posto, adrenalina a mille. Voglia di portare...

TOP XAVI, FLOP BUSQUETS. ITALIA-SPAGNA 0-4: LE PAGELLE IBERICHE

Casillas 6,5 - Attente sulle violente ma centrali conclusioni da fuori degli azzurri. Nella ripresa bravissimo su Di Natale. Jordi Alba 7 - Giocatore trasformato rispetto alla prima gara del girone. Li fu uno dei peggiori, oggi è tra i migliori, con la grande soddisfazione della rete, la...

MARIO, FINALMENTE SUPER!

Il secondo gol di Balotelli alla Germania è di quelli che uno sogna fin da bambino. Corri tutto solo, l'avversario arranca a qualche metro di distanza. Hai tutta la porta davanti, un muro di tifosi tedeschi davanti agli occhi. Neuer e la sua maglietta accecante ti aspettano e tu controlli...
Girone A
Girone B
Girone C
Girone D

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.