VERSIONE MOBILE
Sabato 22 Novembre 2014                     
HOME › EDITORIALE
34 anni, milanese, Federico Casotti è dal 2004 anchorman e telecronista di Sportitalia. Già voce della Eredivisie, dal 2010 commenta la Ligue 1. Autore dell'e-book "Parigi non è stata fatta in un giorno", edito da Amazon. Twitter@federicocasotti
22.06.2012 01:30 di Federico Casotti articolo letto 952 volte

Parlando del Portogallo, il rischio è sempre quello di descriverlo come un fuoriclasse assoluto + 10 giocatori di buon livello, con punte verso l’alto e presenze che inevitabilmente abbassano la media. Una Svezia in scala leggermente più grande: o perlomeno, questa era l’impressione che aveva destato contro Germania e Danimarca, dove nonostante la vittoria finale Cristiano Ronaldo era finito dietro la lavagna per errori sottoporta non da lui. “Non sente la Nazionale”, “Fuori dal Real Madrid si trova fuori posto”: questi i giudizi, meritati, su CR7 dopo le prime due partite. Si era addirittura arrivati a prendere per buona l’idea di una goleada dell’Olanda contro i lusitani nell’ultima giornata, tanto strette erano le prospettive dell’undici di Paulo Bento. E invece… chissà, forse Ronaldo ha visto Ibrahimovic affondare con la sua Svezia, e ha pensato: “Io quella fine non la voglio fare”. In un modo o nell’altro, è andata effettivamente così, con la stella del Real Madrid che ha fatto tre gol, tutti decisivi, trascinando il Portogallo tra le prima quattro d’Europa, con la possibilità di una semifinale tutta latina contro Spagna o Francia.


A proposito di Francia, in molti ipotizzano una situazione esplosiva, un déja vu dei guai visti durante la gestione Domenech. Posto che tradizionalmente lo spogliatoio transalpino è sempre difficile da governare, mi sento di sottolineare la differenza tra i due coach in termini di stile, metodi di allenamento, popolarità e soprattutto legittimazione agli occhi dei giocatori. E’ vero, Blanc ha un po’ esagerato con il turnover, ma ritengo che con l’eliminazione diretta, iniziando dunque già dalla sfida con la Spagna, il Ct francese penserà a schierare la miglior formazione possibile, senza i calcoli arditi che hanno caratterizzato soprattutto l’undici anti-Svezia.


Niente calcoli nemmeno per Prandelli, che forse ha troppi giorni a disposizione per preparare la partita con l’Inghilterra, in rapporto alle pressioni e alle chiacchiere che accompagneranno la scelta dell’undici da schierare domenica sera a Kiev. Ancora tre giorni pieni – un’eternità – per decidere se passare dalla difesa a 4 (preferibile, secondo me) alla difesa a tre con De Rossi centrale. Le scelte più pesanti andranno fatte in attacco, dove – come sostengo da giorni – è difficile rinunciare a Di Natale così come a Balotelli. E Cassano, che abbiamo visto amare molto di più l’assist rispetto al tiro in porta, dove lo mettiamo? E tutti e tre insieme, sarebbe davvero un azzardo? E la carta Diamanti? Tutte domande che riempiranno il weekend, senza darci una risposta definitiva.


Curioso di vedere Germania-Grecia stasera. Ho idea che lo “spread” calcistico tra le due Nazionali si possa ridurre di molto, per una di quelle combinazioni di eventi quasi magiche che solo il calcio è in grado di proporre.


Altre notizie - Editoriale
EDITORIALE, 02.07 11:00 - Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro bicchieri di amaro (o di sherry andaluso, fate voi) hanno...
EDITORIALE, 01.07 09:30 - Ci siamo davvero, e alzi la mano chi aveva previsto gli azzurri all'atto conclusivo di stasera. Poi la abbassi, perchè voglio venire a stringerla. La finale di Kiev ci vede sfavoriti, è indubbio, ma non spacciati, e non solo perchè nelle finali può succedere di...
EDITORIALE, 29.06 00:49 - I luoghi comuni sono fatti per essere smentiti, ma anche no. Noi italiani ci teniamo con immenso piacere tutti gli stereotipi che la Bild, ormai neanche più tanto originale, pesca  ogni volta che affrontiamo la Germania, ma in cambio non transigiamo su una cosa: a calcio, cascasse il...
EDITORIALE, 28.06 08:30 - Hai voglia a dire che i luoghi comuni sul calcio sono, appunto, stereotipi e in quanto tali hanno un valore relativo. Il Portogallo ieri ha buttato via un’occasione clamorosa per scrivere la propria storia, e non solo la sua, andando a cozzare sui suoi storici limiti. Esattamente come senti...
EDITORIALE, 27.06 09:00 - E’ troppo fresco il ricordo delle due semifinali di Champions League per poter soppesare con superficialità le partite che determineranno la finalissima di Euro 2012. Il piano di lettura, se non analogo, è quantomeno simile: due favorite abbastanza chiare, che hanno sin qui...
L'ITALIA VINCERà EURO 2012?
  Sì
  No

EURO 2012: IMPRESSIONI DI FINE CORSA

Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro b...

CRACOVIA, LA LIBIDINE DEL GIORNO DOPO

La libidine del giorno dopo. Siamo in finale ad Euro 2012, non l’avrei mai detto prima di partire. Ma questa Nazionale ha saputo stupire, farsi amare, incondizionatamente. Il sole che riscalda il venerdì cracoviano è...
Get Adobe Flash player

DISFATTA ITALIA, A KIEV FINISCE 4-0: LA SPAGNA È CAMPIONE D'EUROPA

Temperatura gradevole, ambiente gioioso sugli spalti. Da una parte e dall'altra. Perché una finale è un momento storico, da conservare nel cuore, al di là del risultato. A Kiev si gioca Italia-Spagna. Stadio pieno in ogni ordine di posto, adrenalina a mille. Voglia di portare...

TOP XAVI, FLOP BUSQUETS. ITALIA-SPAGNA 0-4: LE PAGELLE IBERICHE

Casillas 6,5 - Attente sulle violente ma centrali conclusioni da fuori degli azzurri. Nella ripresa bravissimo su Di Natale. Jordi Alba 7 - Giocatore trasformato rispetto alla prima gara del girone. Li fu uno dei peggiori, oggi è tra i migliori, con la grande soddisfazione della rete, la...

MARIO, FINALMENTE SUPER!

Il secondo gol di Balotelli alla Germania è di quelli che uno sogna fin da bambino. Corri tutto solo, l'avversario arranca a qualche metro di distanza. Hai tutta la porta davanti, un muro di tifosi tedeschi davanti agli occhi. Neuer e la sua maglietta accecante ti aspettano e tu controlli...
Girone A
Girone B
Girone C
Girone D

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.