VERSIONE MOBILE
Sabato 22 Novembre 2014                     
HOME › EDITORIALE
34 anni, milanese, Federico Casotti è dal 2004 anchorman e telecronista di Sportitalia. Già voce della Eredivisie, dal 2010 commenta la Ligue 1. Autore dell'e-book "Parigi non è stata fatta in un giorno", edito da Amazon. Twitter@federicocasotti
21.06.2012 01:30 di Federico Casotti articolo letto 1762 volte

Top 11 (4-2-3-1)
Casillas: garanzia di serietà, la gran partita con la Croazia è lì a dimostrarlo.
Debuchy: molti storcevano il naso prima dell’Europeo, qualcuno lo pagherà (molto) più caro dopo l’Europeo.
Hummels: carisma e physique du role, tre partite di grande personalità.
Mellberg: la nave svedese affonda come la Regalskeppet Vasa, lui è l’ultimo ad arrendersi.
Jordi Alba: ultimo arrivato nella Roja, assorbito immediatamente dal sistema-Del Bosque. Avanti così.
Cabaye: in Italia si sono accorti adesso di lui, eppure un anno fa lo potevi prendere dal Lilla a metà dei soldi che chiede ora il Newcastle. Il vero metronomo dei Bleus.
De Rossi: gioca, bene, due partite in un ruolo non suo. Si conferma uno dei pochi Azzurri di reale respiro internazionale. Teniamocelo stretto.
Krohn-Dehli: scarto dell’Ajax, punisce i suoi ex compagni con il gol-partita contro l’Olanda. Ala veloce e fantasiosa, si prende a 29 anni il meritato palcoscenico internazionale.
Dzagoev: se la Russia è uscita non è certo per colpa sua, anzi. I rimpianti più grossi li ha la stella del CSKA, perché poteva essere l’uomo copertina dell’Europeo. Se non farà scherzi, è tutto rimandato al 2018, a casa sua.
Jiracek: due gol determinanti e tanto agonismo con cui ha risollevato di peso la Repubblica Ceca.
Mandzukic: il bomber che non ti aspetti arriva dalla Croazia. Fisico e tecnica, ha sfruttato bene la vetrina. A Wolfsburg aspettavano con ansia l’Europeo, c’è poco da fare.
CT Roy Hodgson: raccogliere due mesi fa una Nazionale in mille pezzi e riportarla tra le prime otto d’Europa, con quel girone, è stata una grande impresa. Quattro anni di contratto con la FA restano comunque troppi.


FLOP 11 (4-2-3-1)
Szceszny: la sua espulsione con la Grecia ha mandato a rotoli l’Europeo della Polonia, che da quel momento non ne ha più azzeccata una.
Van der Wiel: il confronto con CR7 è stato umiliante. Inizio a nutrire dubbi sul reale spessore internazionale del Pendolino dell’Ajax.
Ignaschevich: un errore ma gravissimo, perché spalanca a Karagounis la strada verso il gol che manda incredibilmente a casa la sua Russia.
Heitinga: un grande avvenire dietro le spalle, e in Ucraina lo ha dimostrato con generosità.
Boenisch: nessuna colpa in particolare, ma è il simbolo del grigiore che ha caratterizzato l’Europeo della Polonia. Altro che “fattore campo”…
Alou Diarra: contro la Svezia, con lui al posto di Cabaye la differenza di cilindrata si è sentita eccome. Meglio non esagerare con il minutaggio.
Van Bommel: il fatto di essere il genero del Ct Van Marwijk non ha giovato alla sua popolarità. Resta inspiegabile altrimenti non solo la sua convocazione, ma anche la sua titolarizzazione nelle prime due partite. Non è tutta colpa sua, ma se c’è un simbolo nel disastro Oranje, quello è lui.
Robben: un palo contro i danesi, poi il nulla o quasi. Necessario “resettare” l’ultimo biennio e ripartire da capo. Il tempo c’è ancora.
Thiago Motta: degli azzurri è apparso il meno ispirato. Il ruolo di trequartista contro l’Irlanda non lo ha aiutato.
McGeady: degli irlandesi era il più atteso, fortificato dalla campagna di Russia allo Spartak, e anche per questo la delusione è stata molto forte. Sempre sostituito, sulla sinistra non ha fatto la differenza che ci si poteva aspettare.
Van Persie: un gol contro la Germania quasi fuori tempo massimo è un bottino un po’ magro per il capocannoniere della Premiership. L’Arsenal nel frattempo chiede 37 milioni di €, con il contratto in scadenza tra un anno. Chi chiama la neuropsichiatria?
Ct Advocaat: sin troppo facile infierire su Van Marwijk. Per me la vera occasione l’ha persa la Russia, e il suo Ct ha peccato nel non tenere alta la guardia dopo l’inebriante 4-1 alla Repubblica Ceca. La condotta di gara contro la Polonia, a posteriori, grida vendetta.


Altre notizie - Editoriale
EDITORIALE, 02.07 11:00 - Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro bicchieri di amaro (o di sherry andaluso, fate voi) hanno...
EDITORIALE, 01.07 09:30 - Ci siamo davvero, e alzi la mano chi aveva previsto gli azzurri all'atto conclusivo di stasera. Poi la abbassi, perchè voglio venire a stringerla. La finale di Kiev ci vede sfavoriti, è indubbio, ma non spacciati, e non solo perchè nelle finali può succedere di...
EDITORIALE, 29.06 00:49 - I luoghi comuni sono fatti per essere smentiti, ma anche no. Noi italiani ci teniamo con immenso piacere tutti gli stereotipi che la Bild, ormai neanche più tanto originale, pesca  ogni volta che affrontiamo la Germania, ma in cambio non transigiamo su una cosa: a calcio, cascasse il...
EDITORIALE, 28.06 08:30 - Hai voglia a dire che i luoghi comuni sul calcio sono, appunto, stereotipi e in quanto tali hanno un valore relativo. Il Portogallo ieri ha buttato via un’occasione clamorosa per scrivere la propria storia, e non solo la sua, andando a cozzare sui suoi storici limiti. Esattamente come senti...
EDITORIALE, 27.06 09:00 - E’ troppo fresco il ricordo delle due semifinali di Champions League per poter soppesare con superficialità le partite che determineranno la finalissima di Euro 2012. Il piano di lettura, se non analogo, è quantomeno simile: due favorite abbastanza chiare, che hanno sin qui...
L'ITALIA VINCERà EURO 2012?
  Sì
  No

EURO 2012: IMPRESSIONI DI FINE CORSA

Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro b...

CRACOVIA, LA LIBIDINE DEL GIORNO DOPO

La libidine del giorno dopo. Siamo in finale ad Euro 2012, non l’avrei mai detto prima di partire. Ma questa Nazionale ha saputo stupire, farsi amare, incondizionatamente. Il sole che riscalda il venerdì cracoviano è...
Get Adobe Flash player

DISFATTA ITALIA, A KIEV FINISCE 4-0: LA SPAGNA È CAMPIONE D'EUROPA

Temperatura gradevole, ambiente gioioso sugli spalti. Da una parte e dall'altra. Perché una finale è un momento storico, da conservare nel cuore, al di là del risultato. A Kiev si gioca Italia-Spagna. Stadio pieno in ogni ordine di posto, adrenalina a mille. Voglia di portare...

TOP XAVI, FLOP BUSQUETS. ITALIA-SPAGNA 0-4: LE PAGELLE IBERICHE

Casillas 6,5 - Attente sulle violente ma centrali conclusioni da fuori degli azzurri. Nella ripresa bravissimo su Di Natale. Jordi Alba 7 - Giocatore trasformato rispetto alla prima gara del girone. Li fu uno dei peggiori, oggi è tra i migliori, con la grande soddisfazione della rete, la...

MARIO, FINALMENTE SUPER!

Il secondo gol di Balotelli alla Germania è di quelli che uno sogna fin da bambino. Corri tutto solo, l'avversario arranca a qualche metro di distanza. Hai tutta la porta davanti, un muro di tifosi tedeschi davanti agli occhi. Neuer e la sua maglietta accecante ti aspettano e tu controlli...
Girone A
Girone B
Girone C
Girone D

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.