Giovedì 31 Luglio 2014                     
HOME › EDITORIALE
Nato a Milano nel 1978, Federico Casotti è dal 2004 anchorman e telecronista di Sportitalia. Voce della Ligue 1 dal 2010, autore dell'e-book "Parigi non è stata fatta in un giorno", edito da Amazon. Twitter@federicocasotti
02.07.2012 11:00 di Federico Casotti articolo letto 2368 volte

Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro bicchieri di amaro (o di sherry andaluso, fate voi) hanno rovinato un po' il sapore del banchetto. Fuor di metafora, la batosta dell'Olympiskyi vale mezzo punto in meno nelle valutazioni finali degli azzurri, e basta. Le aspettative della vigilia erano basse, la squadra ha dimostrato di avere qualità indiscutibili, anche se schiacciate dal confronto finale con la Spagna. Le prospettive per il Mondiale 2014 sono secondo me buone: il quartetto di reduci dal Mondiale 2006 (Buffon, Barzagli, Pirlo, De Rossi) non è stato solo memoria storica ma vero trait-d'union con la generazione degli anni'10.

Una generazione fatta di talenti un po' scapestrati, come Balotelli, per il quale l'Europeo è stato insieme un trampolino e una lezione di vita, e un gruppo di ragazzi (Montolivo, Bonucci, Chiellini, Marchisio) a metà del guado: potenziali campioni, ma nello stesso tempo a un passo dal precipitare nel girone brerian-dantesco dei mezzi giocatori. Se a ciò aggiungiamo tipi come Giovinco e Borini, turisti alla fiera dell'Est, e giovanotti come Destro ed El-Shaarawy, ecco che si può guardare al futuro con moderata fiducia. Curioso e insieme allarmante, semmai, come il serbatoio italico sia in questo momento a secco nel reparto difensivo. Speriamo che Ranocchia si riprenda: è nell'interesse dell'Inter, ma anche di tutto il calcio italiano.

La Spagna si porta a casa invece il filotto Europeo-Mondiale-Europeo, lasciando ai posteri il gioco ozioso su dove collocarla nell'Empireo delle più grandi squadre di ogni tempo. Un paio di considerazioni vorrei comunque farle. La prima riguarda Vicente Del Bosque, allenatore sottovalutatissimo. Qualcuno dirà: facile vincere, quando alleni il Real Madrid dei galattici e la migliore Spagna di sempre. A parte che la storia del calcio insegna come non sia affatto scontato vincere con... la macchina migliore, ma Del Bosque è indiscutibilmente il miglior allenatore possibile per una squadra di grandi nomi. Non fa polemiche in conferenza stampa, non si atteggia a santone, ma nello stesso tempo non è un mero distributore di maglie ed è in grado di conquistarsi il rispetto e l'autorità da parte dei suoi campioni. Tenere insieme un gruppo con anime molto forti al suo interno (Real Madrid, Barcellona, ma anche Athletic Bilbao) non è né facile, né scontato. Ma si sa, il buonsenso e il basso profilo non fanno mai notizia.

Infine, il successo della Spagna – e se vogliamo anche la finale giocata dall'Italia – confermano la centralità del Mediterraneo nell'attuale momento del calcio europeo. La storia del torneo continentale del resto non mente: negli anni'90, quando imperava l'atletismo fine a sé stesso, in semifinale arrivavano perlopiù formazioni del Nord Europa, con l'unica eccezione della Francia. I transalpini erano infatti il vero raccordo tra Nord e Sud: anima mediterranea e insieme grande atletismo in un mix sintetizzato da Zidane, un numero 10 alto quasi 1.90. E infatti proprio i francesi vinsero l'edizione del 2000, traghettando l'Europa verso l'attuale dominio del “Mare nostrum”. Il calcio europeo è passato così a ridare voce al talento puro, libero da barriere all'ingresso per quel che riguarda la taglia degli interpreti, ma inserito in un tessuto tattico che anziché ingabbiarlo, lo esalta. Non è un caso che l'unica Nazionale in grado di tenere testa al dominio mediterraneo sia la Germania, che è ben diversa dalla squadra di “panzer” degli anni'80 e '90, con un tocco “sudista”, tutt'altro che marginale, dato da Khedira e Ozil. Per questo, nel gioco fanta-calcistico-politico sulle Nazionali del futuro, dico sì Russia, ma occhio anche alla Turchia. I primi hanno i soldi, ma i secondi hanno i giovani, tanti giovani su cui investire e lavorare in prospettiva.

Arrivederci allora a Francia 2016. Guarda caso, in riva al Mediterraneo.

Con oggi si conclude anche la mia avventura a Tuttoeuropei.com. Voglio ringraziare e salutare tutti i lettori, la redazione, e in particolare Andrea Losapio, che un paio di mesi fa non ha fatto alcuna fatica nel convincermi a entrare in questo progetto. A rileggerci presto, somewhere in the web....


Altre notizie - Editoriale
EDITORIALE, 01.07 09:30 - Ci siamo davvero, e alzi la mano chi aveva previsto gli azzurri all'atto conclusivo di stasera. Poi la abbassi, perchè voglio venire a stringerla. La finale di Kiev ci vede sfavoriti, è indubbio, ma non spacciati, e non solo perchè nelle finali può succedere di...
EDITORIALE, 29.06 00:49 - I luoghi comuni sono fatti per essere smentiti, ma anche no. Noi italiani ci teniamo con immenso piacere tutti gli stereotipi che la Bild, ormai neanche più tanto originale, pesca  ogni volta che affrontiamo la Germania, ma in cambio non transigiamo su una cosa: a calcio, cascasse il...
EDITORIALE, 28.06 08:30 - Hai voglia a dire che i luoghi comuni sul calcio sono, appunto, stereotipi e in quanto tali hanno un valore relativo. Il Portogallo ieri ha buttato via un’occasione clamorosa per scrivere la propria storia, e non solo la sua, andando a cozzare sui suoi storici limiti. Esattamente come senti...
EDITORIALE, 27.06 09:00 - E’ troppo fresco il ricordo delle due semifinali di Champions League per poter soppesare con superficialità le partite che determineranno la finalissima di Euro 2012. Il piano di lettura, se non analogo, è quantomeno simile: due favorite abbastanza chiare, che hanno sin qui...
EDITORIALE, 26.06 07:45 - Due giorni senza partite sono pericolosissimi, perchè scatenano la mia passione per la ricerca di statistiche e dati sui quali provare a riflettere. Sono andato a spulciare le rose delle quattro semifinaliste di Euro 2012, e ho trovato sufficiente materiale di discussione. E'...
L'ITALIA VINCERà EURO 2012?
  Sì
  No

EURO 2012: IMPRESSIONI DI FINE CORSA

Partito come un frugale picnic in campagna, di quelli con la tovaglia a quadri, il fiasco di vino e poche pretese, l'Europeo dell'Italia si è trasformato in maniera graduale ma esaltante in una cena di gala, dove quattro b...

CRACOVIA, LA LIBIDINE DEL GIORNO DOPO

La libidine del giorno dopo. Siamo in finale ad Euro 2012, non l’avrei mai detto prima di partire. Ma questa Nazionale ha saputo stupire, farsi amare, incondizionatamente. Il sole che riscalda il venerdì cracoviano è...
Get Adobe Flash player

DISFATTA ITALIA, A KIEV FINISCE 4-0: LA SPAGNA È CAMPIONE D'EUROPA

Temperatura gradevole, ambiente gioioso sugli spalti. Da una parte e dall'altra. Perché una finale è un momento storico, da conservare nel cuore, al di là del risultato. A Kiev si gioca Italia-Spagna. Stadio pieno in ogni ordine di posto, adrenalina a mille. Voglia di portare...

TOP XAVI, FLOP BUSQUETS. ITALIA-SPAGNA 0-4: LE PAGELLE IBERICHE

Casillas 6,5 - Attente sulle violente ma centrali conclusioni da fuori degli azzurri. Nella ripresa bravissimo su Di Natale. Jordi Alba 7 - Giocatore trasformato rispetto alla prima gara del girone. Li fu uno dei peggiori, oggi è tra i migliori, con la grande soddisfazione della rete, la...

MARIO, FINALMENTE SUPER!

Il secondo gol di Balotelli alla Germania è di quelli che uno sogna fin da bambino. Corri tutto solo, l'avversario arranca a qualche metro di distanza. Hai tutta la porta davanti, un muro di tifosi tedeschi davanti agli occhi. Neuer e la sua maglietta accecante ti aspettano e tu controlli...
Girone A
Girone B
Girone C
Girone D