L'Europeo degli assenti: da Rossi a Sagna, passando per Puyol

L'Europeo degli assenti: da Rossi a Sagna, passando per Puyol

© foto di Alterphotos/Image Sport
 di Alessandra Stefanelli articolo letto 4181 volte

Il gran numero di assenti illustri è ciò che da sempre caratterizza ogni grande competizione per nazionali. Mettendo insieme gli infortunati di lusso di ogni selezione, si potrebbe ottenere una formazione in grado di competere per qualunque traguardo. Euro 2012 non farà differenza. Anzi, la lista degli assenti sarà particolarmente folta, fornita di nomi di tutto rispetto.

David Villa (Spagna): Alla fine non ce l'ha fatta. L'attaccante del Barcellona ha provato fino all'ultimo momento a recuperare dalla brutta frattura subita alla gamba diurante il Mondiale per Club giocato a dicembre. Alla fine ha dovuto arrendersi alla dura realtà. Per le Furie Rosse sarà un'assenza decisamente pesante.

Carles Puyol (Spagna): Il capitano del Barcellona si è fermato proprio a un passo dal traguardo, quando la Liga era ormai agli sgoccioli. Il centrale blaugrana si è subito sottoposto a un intervento in artroscopia che non è però bastato a garantirgli un recupero lampo. Dovrà star fuori un altro mese.

Gareth Barry (Inghilterra): Il centrale del Manchester City era già stato praticamente inserito nella lista dei 23 dal neo ct Roy Hogdson, ma si è fatto male durante l'incontro amichevole contro la Norvegia. Per lui si tratta di una lesione ai muscoli addominali, problema che rende praticamente impossibile il recupero. Al suo posto, largo al centrale dell'Everton Phil Jagielka

Bakari Sagna (Francia): Stagione maledetta per difensore dell'Arsenal, che nel corso di questa stagione ha subito ben due fratture alla tibia. La prima a inizio stagione contro il Tottenham, la seconda poco tempo fa contro il Norwich.

Giuseppe Rossi (Italia): Doveva essere il suo Europeo. L'attaccante del Villareal ha vissuto, come Sagna, una stagione decisamente sfortunata. Dopo lo stop subito a ottobre e il faticoso recupero, Rossi si è bloccato nuovamente ad aprile nel corso di un allenamento. Stesso infortunio: lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. E adesso gli servirà un periodo di recupero lunghissimo, ben 9 mesi, e almeno due interventi chirurgici.

Kyle Walker (Inghilterra): Quest'anno è stato nominato miglior giovane della Premier League, ma agli Europei non ci sarà. Il laterale del Tottenham proverà a tornare a disposizione per le Olimpiadi.

Eric Abidal (Francia): La sua indisponibilità non è stata una sorpresa. Lo sfortunato giocatore del Barcellona lotta ormai da tempo con un tumore al fegato e recentemente si è anche sottoposto a un trapianto dello stesso organo. E' uscito dall'ospedale da un paio di setytimane, ma non si sa se potrà mai tornare a calcare i campi.

Carlos Martins (Portogallo): Il centrocampista in prestito al Granada ma di proprietà del Benfica sarà fuori per motivi personali. Il figlio di tre anni è infatti malato di leucemia, circostanza che ha spinto il giocatore a rinunciare alla competizione per stare al suo fianco in attesa del trapianto di midollo.

Jack Wilshere (Inghilterra): Un giocatore tanto giovane quanto sfortunato. Nonostante abbia solo 20 anni, il centrocampista dell'Arsenal ha giocato appena due gare nel corso di questa stagione per via di una frattura da stress alla caviglia.

Abou Diaby (Francia): Anche lui dell'Arsenal, anche lui praticamente mai a disposizione nel corso della stagione. Appena quattro le presenze stagionali in un'annata piena di problemi muscolari.

Chris Smalling (Inghilterra): Il giovane centrale del Manchester United dovrà rinunnciare all'Europeo per colpa di un infortunio all'inguine subito nel finale di stagione.

Lukasz Fabianski (Polonia): Doveva essere il vice di Wojciech Szczesny fra i pali, ma lo scorso febbraio ha subito un intervento alla spalla.

Dejan Lovren (Croazia): I prossimi avversari dell'Italia devono fare a meno del difensore del Lione, bloccato da un problema al tendine d'Achille.

Daniel Majstorovic (Svezia): Il centrale dell'AIK è stato messo k.o. in circostanze davvero curiose: Zlatan Ibrahimovic ha spinto per scherzo un compagno che è finito dritto sul ginocchio del malcapitato.

Keith Fahey e Kevin Foley  (Irlanda): Un problema all'inguine priverà il Trap del centrocampista del Birmingham. Per Foley, invece, problema al bicipite femorale.

Roman Shishkin e Vasili Berezutski (Russia): Il venticinquenne centrale della Lokomotiv Mosca è stato bloccato da un problema muscolare. Out anche il difensore del Cska Mosca.

Dimitri Chygrynskiy e Andriy Dikan (Ucraina): Per il primo stagione disgraziata, condita da infortuni di ogni tipo. Per il secondo, portiere dello Spartak, brutto scontro di gioco contro Kerzhakov dello Zenit, rottura di zigomo e mascella con commozione cerebrale.

Loic Remy (Francia): L'attaccante del Marsiglia era stato preconvocato ma il ct Laurent Blanc ha dovuto escluderlo per via di un infortunio subito la scorsa settimana.

Erik Pieters (Olanda): Problema al piede per il 23enne del PSV, che era stato inserito tra i preconvocati.

Thomas Sorensen (Danimarca): Forfait per il capitano danese, messo k.o. da un problema alla schiena. Al suo posto fra i pali giocherà Kasper Schmeichel.

Oleksandr Shovkovskiy (Ucraina): Storico portiere, out per infortunio.