Portogallo, Santos:

Portogallo, Santos: "Ringrazio Dio e i miei ragazzi. Giocare senza CR7 utopia ma ce l'abbiam fatta"

Santos esulta con Ronaldo
© foto di www.imagephotoagency.it
 di Sebastian Donzella Twitter:  articolo letto 378 volte

Fernando Santos, allenatore del Portogallo, si gode la vetta d'Europa. Queste le sue parole in conferenza stampa, raccolte dai colleghi di TMW: "Voglio ringraziare Dio per quello che è successo: le emozioni di oggi sono difficili da descrivere. Sono orgoglioso dei miei giocatori e di averli allenati, sia quelli che sono qui sia quelli che non ci sono: devo ringraziarli per avermi reso così felice. Ora voglio andare a casa e baciare la mia famiglia e tutti i miei amici. E' utopico giocare senza Cristiano, lui può segnare in qualsiasi momento. Nonostante questo abbiamo vinto come squadra. Avevo detto ai miei che se avessimo lottato e avessimo avuto più organizzazione e concentrazione di loro saremmo diventati campioni. E così è andata: io ci ho sempre creduto e anche i miei giocatori. Loro hanno avuto maggior possesso palla ma è normale, giocavano in casa. Noi abbiamo avuto più occasioni. Noi brutto anatroccolo? La rete di Eder è stata la ciliegina sulla torta. Ma devo ringraziare anche Rui Patricio che nel torneo è stato decisivo sui calci di rigore e Pepe, che tutti giudicano cattivo ma che vi assicuro non lo è. Il nostro capitano, infine, ha dato un grande apporto anche dalla panchina grazie al suo grande spirito di squadra. Ha provato due volte a ritornare in campo, ma non ce l'ha fatta. In panchina e nello spogliatoio è stato davvero importante".