Svizzera, Petkovic:

Svizzera, Petkovic: "Rispetto la Polonia, non ho paura"

 di Mattia Zangari Twitter:  articolo letto 287 volte

"Abbiamo chiuso la porta d’ingresso e adesso stiamo per aprire una seconda porta. Con i miei giocatori voglio aprire più porte possibili". E' la metafora che Vladimir Petkovic, ct della Svizzera, ha utlizzato in conferenza stampa per spiegare gli obiettivi della sua squadra, che dopo aver guadagnato l'accesso agli ottavi di finale dell'Europeo non si vuol porre limiti. 
"La Polonia - ha proseguito Petko - è una squadra forte e compatta. Non hanno subito nemmeno un gol finora e hanno giocatori offensivi davvero bravi. Lewandowski lavora duramente per la squadra, proprio come Milik e tutti gli altri. Non ho paura di loro, ma anzi li rispetto. Tuttavia noi siamo qui per un motivo e vogliamo dimostrarlo domani (oggi, ore 15 ndr). Finora forse ci sono mancate le conclusioni dalla distanza, ma dobbiamo lavorare su passaggi e cross decisivi. Mi aspetto di vedere tre o quattro giocatori in area quando siamo in attacco".