Italia, parla Buffon:

Italia, parla Buffon: "Sento le stesse sensazioni del 2006"

© foto di Imagoe/Image Sport
 di Alessandra Stefanelli articolo letto 1971 volte

Oggi pomeriggio Gianluigi Buffon, capitano dell'Italia, è intervenuto in conferenza stampa in vista della finalissima di domani contro la Spagna. Il portierone azzurro ha notato più di una similitudine tra questo Europeo e il Mondiale vincente del 2006: "E' chiaro che le emozioni sono quelle e la fiducia è quella - ha esordito -. Se sarà uguale o meno basterà aspettare e vedere come andrà domani, ma le analogie sono molte. In passato che non potevamo vincere perché c'era e c'è tutt'ora una squadra di gran lunga superiore rispetto alle altre, una squadra di manifesta superiorità. L'unico problema è che domani sfidiamo proprio loro, l'aspetto positivo è che si parte dallo 0-0".

Su Balotelli, l'eroe della semifinale contro la Germania: "Mario ha fatto molto bene, in primis perché è un giocatore con delle qualità immense, in secundis perché è entrato a far parte di un gruppo di campioni, con un tecnico che crede in lui. Il merito maggiore è ovviamente il suo, ma non solo. Il bonus alla Spagna? Era un modo di dire per far sentire loro il nostro sentimento di riconoscenza. Gli volevo far sapere questo, che gli saremo riconoscenti come lo eravamo nel 2008 con l'Olanda, di certo non significa che ci faremo da parte in finale. Perché dovrebbe vincere l'Italia? Penso che è giusto che vincano i migliori e i più bravi. La Spagna ha fatto unpercorso quadriennale fatto di grande vittorie, grandissimo gioco e grandi singoli. L'Italia è stata una sorpresa, speriamo lo sia fino in fondo".