Top Pirlo e Diamanti, nessun flop: Inghilterra-Italia 2-4 dcr, le pagelle degli azzurri

Top Pirlo e Diamanti, nessun flop: Inghilterra-Italia 2-4 dcr, le pagelle degli azzurri

© foto di www.imagephotoagency.it
 di Alessandra Stefanelli articolo letto 3748 volte

Buffon 7: Dopo 4 minuti deve già scaldare i guantoni con un intervento da pallanotista.

Abate 6: Soffre maledettamente Rooney all'inizio, poi gli prende le misure e, da lì, la sua gara è un crescendo. Esce stremato al 90' (Maggio 6: Entra e continua il lavoro del compagno, cercando anche di accompagnare la manovra azzurra)

Barzagli 6,5: Gli manca un po' di ritmo partita e si vede, ma non concede un centimetro a Welbeck.

Bonucci 7: Attento su tutte le chiusure. Soffre un po' nella ripresa quando deve contenere la fisicità di Carroll, ma non

Balzaretti 6,5: Attacca e difende con ordine, ricopre il proprio ruolo senza mai strafare.

Pirlo 7,5: Un passo indietro rispetto alle ultime, superlative prestazioni, ma mette sempre il suo zampino nelle occasioni più clamorose. E quel cucchiaio nella lotteria dei rigori vale da solo il prezzo del biglietto.

De Rossi 7: Quel gol sbagliato in avvio di ripresa grida vendetta, ma è di gran lunga il migliore in campo. Colpisce un palo clamoroso dopo 3 minuti e non sbaglia un pallone (Nocerino 7: Entra e cerca di non far rimpiangere il compagno, sfiorando il gol ai supplementari e trasformando il suo rigore)

Marchisio 6: Un primo tempo in cui quasi non lo si vede in campo. Meglio nella ripresa ma è una prestazione ben lontana dai suoi standard.

Montolivo 6: Non convince pienamente nel ruolo di trequartista, ingiusto comunque crocifiggerlo per l'errore dal dischetto.

Cassano 6: Il meglio, che non è certamente il suo meglio, lo fa vedere nel primo tempo. Poi resta sostanzialmenre avulso dalla manovra, fino al momento della sostituzione. (Diamanti 7,5: Entra e distribuisce calcio, la sua classe fa la differenza ai supplementari. E poi, come Fabio Grosso, trasforma il rigore decisivo)

Balotelli 6,5: Croce e delizia di questa nazionale, sbaglia tanto ma è anche il giocatore che ci ha provato con maggior insistenza. Rompe il ghiaccio firmando il primo rigore.