Poker del Belgio ma l'Ungheria non demerita. Hazard ai quarti attende il Galles

Poker del Belgio ma l'Ungheria non demerita. Hazard ai quarti attende il Galles

© foto di www.imagephotoagency.it
 di Sebastian Donzella Twitter:  articolo letto 412 volte

E' la vittoria più ampia di questo Europeo ma non è tutto oro ciò che luccica. Il Belgio si impone 4-0 sull'Ungheria ma non senza difficoltà. Avvio in discesa per i Diavoli Rossi che passano in vantaggio dopo 10 minuti: punizione sul secondo palo di De Bruyne, la difesa magiara si addormenta e Alderweireld la mette dentro di testa. Gli ungheresi non perdono la testa e continuano a tener testa ai belgi anche se la differenza tecnica è notevole, e si vede. Kiraly, alla mezz'ora, devia sulla traversa una gran conclusione su piazzato di De Bruyne. Nella ripresa Szalai e compagni provano ad alzare il baricentro e in mischia Juhasz la manda a lato di un soffio. Hazard capisce che i suoi compagni stanno scherzando col fuoco e decide di mettere il turbo e mandare KO gli avversari in due minuti. Al 78' si lancia da solo, saltando sul posto due difensori, e serve un assist al bacio che il neo-entrato Batshuayi deve solo spingere in porta. 100 secondi dopo lo stesso folletto del Chelsea converge al centro palla al piede e lascia partire un diagonale chirurgico sul quale Kiraly non può far nulla. L'Ungheria tenta il tutto per tutto e sfiora il gol della bandiera più volte, sbattendo sempre sui guantoni di Courtois. In pieno recupero l'ennesimo contropiede belga condotto da Nainggolan è concluso al meglio da Carrasco, in campo da pochi minuti. Finisce il sogno magiaro, inizia quello belga. La dea bendata, infatti, regala agli uomini di Wilmots un'autostrada per la finale: ai quarti ci sarà il Galles Bale-dipendente mentre nell'eventuale semifinale toccherà una tra Portogallo e Polonia.