Menu NewsEditorialeCronachePagelleStoria degli europeIntervisteVideoPrimo PianoItalia
Network Calendario Contatti Mobile
Radio Bianconera TV
Primo piano
Per Nagelsmann niente Bayern, ha rinnovato con la Germania
Per Nagelsmann niente Bayern, ha rinnovato con la Germania
Julian Nagelsmann ha rinnovato il suo contratto con la Germania, sarà commissario tecnico della Nazionale tedesca fino al 2026. Ad annunciarlo è la Federcalcio tedesca con un comunicato ufficiale: "...rimarrà l'allenatore della nazionale tedesca anche dopo l'Europeo che disputeremo in casa", si legge sul sito ufficial della DFB, che poi spiega anche com'è maturata la decisione: "Lo ha deciso venerdì all'unanimità l'assemblea generale della DFB. Il nuovo contratto dell'allenatore 36 enne durerà fino alla conclusione della prossima Coppa del Mondo FIFA nel 2026, che di disputerà in Stati Uniti, Canada e Messico. Nel settembre dello scorso anno Nagelsmann aveva inizialmente firmato un contratto fino a EURO 2024 compreso".
Cannavaro, Mondiale 2006 e generazioni a confronto: "Non è un pensiero fisso, ma non si dimentica"
Cannavaro, Mondiale 2006 e generazioni a confronto: "Non è un pensiero fisso, ma non si dimentica"
Fabio Cannavaro, campione del Mondo con l'Italia nel 2006, ha rivissuto in una lunga intervista rilasciata a Radio Serie A con RDS, le emozioni vissute a quel Mondiale 2006, con l'immancabile confronto e considerazioni con la nuova generazione Azzurra.  "Non è un pensiero fisso, ma non si dimentica. Quando rivedo le immagini mi emoziono: sono passati quasi 18 anni. Abbiamo perso un po' di quel fascino che avevamo qualche anno fa. Dopo quel Mondiale siamo passati dall'essere giocatori forti a leggende, quando vai all'estero ti rendi conto della differenza. Personalmente ho avuto anche la fortuna di vincere a livello individuale. Eravamo forti, perché ognuno di noi è arrivato al massimo delle sue qualità fisiche, tecniche e mentali. E poi avevamo un allenatore che leggeva le partite, sapeva mantenere un gruppo unito". "Cos'avevamo in più rispetto ai giocatori di oggi? Non si può dire se avevamo qualcosa in più o in meno, sicuramente la mia generazione aveva molti più talenti sparsi in tutto il mondo. L'istruttore deve rimanere istruttore, fino a una certa età devono insegnare a giocare anche a livello individuale". "Attaccanti di oggi che non avrei fermato? Non ci sono...scherzo dai (ride, n.d.r.). Guardo Lukaku e vedo tutti i difensori che cercano lo scontro, il contatto fisico provando a spostarlo, mai nessuno che scappi cercando di togliergli l'appoggio. Oggi i centrali giocano poco di testa e ancora meno col compagno al loro fianco. Io sapevo che potevo andare in anticipo perché poi c'erano i miei compagni, vedo che adesso succede poco. Poi ci sono attaccanti come Osimhen, difficile da marcare; Lautaro, che in area sa quando deve attaccare il primo palo o sfilare dal difensore: ci sono attaccanti che mi avrebbero messo in difficoltà". "Cos'ho pensato prima di alzare la Coppa del Mondo? Avevo visto Cafu il Mondiale precedente, se l'era goduta. Non volevo soltanto alzarla, me la sono goduta anche io. Sepp Blatter? Ci siamo rivisti, fece anche una battuta a Coverciano, ma la mancata premiazione non fu una bella cosa. Loro dissero che il vicepresidente dell'Uefa andava in pensione, ma aldilà di tutto era Blatter il Presidente".
La 9 dell'Italia di Spalletti, i due gol a Klopp: il segreto di Scamacca si chiama Gasperini
La 9 dell'Italia di Spalletti, i due gol a Klopp: il segreto di Scamacca si chiama Gasperini
Il 2024 che sta vivendo Gianluca Scamacca è un vero e proprio sogno. Da marzo in poi il centravanti dell'Atalanta non si ferma più: dopo le due gare contro Bologna e Atalanta con le polveri bagnate, ha iniziato a segnare ed è andato avanti con una media realizzativa spaventosa. Un segnale clamoroso anche per Luciano Spalletti che, stante la forma attuale della punta della Dea che stasera sfiderà il Liverpool nella gara di ritorno dei quarti di finale di Europa League, ha probabilmente trovato il centravanti titolare per Euro 2024. Ritmo da record Le ultime settimane per Scamacca sono state veramente un sogno a suon di gol, uno dopo l'altro. Il 6 marzo un gol contro lo Sporting CP, uno poi anche nella gara di ritorno. Poi la gara contro il Napoli, vinta 3-0, con rete, poi quella Le ultime settimane per Scamacca sono state veramente un sogno a suon di gol, uno dopo l'altro. Il 6 marzo un gol contro lo Sporting CP, uno poi anche nella gara di ritorno. Poi la gara contro il Napoli, vinta 3-0, con rete, poi quella contro il Cagliari (ma con la formazione di Gasperini ko), nel mezzo la sconfitta senza segnare contro la Fiorentina. Poi la doppietta contro il Liverpool, una notte epica, storica, a seguire anche rete e assist con l'Hellas Verona. Il segreto di Scamacca Dopo la gara contro l'Hellas Verona, Scamacca ha svelato il suo segreto. Quello della sua rinascita. Quello dello step fatto proprio in queste settimane. Gian Piero Gasperini. "Mi ha aiutato tantissimo. Da quando sono arrivato c'è stato un cambiamento netto. Non per i gol segnati, ma per come affronto le partite e per quanto corro, per l'intensità che metto in campo".
Euro 2024, tutte le partite fino alla finale di Berlino
Euro 2024, tutte le partite fino alla finale di Berlino
Euro 2024, il tabellone di tutte le partite fino alla finale di Berlino. L'europeo in Germania prenderà il via il 14 giugno con la partita inaugurale tra la Nazionale di casa e la Scozia, con la fase a gironi che si conclude il 26. Dagli ottavi di finale inizia la fase ad eliminazione diretta e il tutto termina con la finale all'Olympiastadion di Berlino del 14 luglio. Fase a gironi di EURO 2024 14 giugno Gruppo A: Germania - Scozia (Monaco, 21:00) 15 giugno A: Ungheria - Svizzera (Colonia, 15:00) B: Spagna - Croazia (Berlino, 18:00) B: Italia - Albania (Dortmund, 21:00) 16 giugno D: Polonia - Paesi Bassi (Amburgo, 15:00) C: Slovenia - Danimarca (Stoccarda, 18:00) C: Serbia - Inghilterra (Gelsenkirchen, 21:00) 17 giugno E: Romania - Ucraina (Monaco, 15:00) E: Belgio - Slovacchia (Francoforte, 18:00) D: Austria - Francia (Düsseldorf, 21:00) 18 giugno F: Turchia - Georgia (Dortmund, 18:00) F: Portogallo - Cechia (Lipsia, 21:00) 19 giugno B: Croazia - Albania (Amburgo, 15:00) A: Germania - Ungheria (Stoccarda, 18:00) A: Scozia - Svizzera (Colonia, 21:00) 20 giugno C: Slovenia - Serbia (Monaco, 15:00) C: Danimarca - Inghilterra (Francoforte, 18:00) B: Spagna - Italia (Gelsenkirchen, 21:00) 21 giugno E: Slovacchia - Ucraina (Düsseldorf, 15:00) D: Polonia - Austria (Berlino, 18:00) D: Paesi Bassi - Francia (Lipsia, 21:00) 22 giugno F: Georgia - Cechia (Amburgo, 15:00) F: Turchia - Portogallo (Dortmund, 18:00) E: Belgio - Romania (Colonia, 21:00) 23 giugno A: Svizzera - Germania (Francoforte, 21:00) A: Scozia - Ungheria (Stoccarda, 21:00) 24 giugno B: Croazia - Italia (Lipsia, 21:00) B: Albania - Spagna (Düsseldorf, 21:00) 25 giugno D: Paesi Bassi - Austria (Berlino, 18:00) D: Francia - Polonia (Dortmund, 18:00) C: Inghilterra - Slovenia (Colonia, 21:00) C: Danimarca - Serbia (Monaco, 21:00) 26 giugno E: Slovacchia - Romania (Francoforte, 18:00) E: Ucraina - Belgio (Stoccarda, 18:00) F: Cechia - Turchia (Amburgo, 21:00) F: Georgia - Portogallo (Gelsenkirchen, 21:00) Giorni di riposo: 27 e 28 giugno Ottavi di finale di EURO 2024 29 giugno 38 2A - 2B (Berlino, 18:00) 37 1A - 2C (Dortmund, 21:00) 30 giugno 40 1C - 3D/E/F (Gelsenkirchen), 18:00) 39 1B - 3A/D/E/F (Colonia, 21:00) 1 luglio 42 2D - 2E (Düsseldorf, 18:00) 41 1F - 3A/B/C (Francoforte, 21:00) 2 luglio 43 1E - 3A/B/C/D (Monaco, 18:00) 44 1D - 2F (Lipsia), 21:00) Giorni di riposo: 3 e 4 luglio Quarti di finale di EURO 2024 5 luglio 45 V39 - V37 (Stoccarda, 18:00) 46 V41 - V42 (Amburgo, 21:00) 6 luglio 48 V40 - V38 (Düsseldorf, 18:00) 47 V43 - V44 (Berlino, 21:00) Giorni di riposo: 7 e 8 luglio Semifinali di EURO 2024 9 luglio 49 V45 - V46 (Monaco, 21:00) 10 luglio 50 V47 - V48 (Dortmund, 21:00) Giorni di riposo: 11, 12 e 13 luglio Finale di EURO 2024 14 luglio V49 - V50 (Berlino, 21:00)
Italia, Bastoni su Euro2024: "Ci crediamo. Non eravamo favoriti neppure nel 2021"
Italia, Bastoni su Euro2024: "Ci crediamo. Non eravamo favoriti neppure nel 2021"
Il difensore dell'Inter,  Alessandro Bastoni ha parlato anche di Euro 2024 in una lunga intervista rilasciata ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, lui che è stato tra i giocatori convocati per le amichevoli disputate a marzo dall'Italia in America e che ha buone probabilità di essere uno degli azzurri che partiranno per la Germania a giugno. Sul c.t. Luciano Spalletti: "Cosa ha portato in più? Una mentalità forte data dalla stagione fatta con il Napoli. Idee diverse in campo rispetto a Mancini. E nuovo entusiasmo: ha fatto capire l’attaccamento per la maglia azzurra, che sembrava quasi essersi smarrito". A giugno ci saranno gli Europei in Germania che l'Italia disputerà da campione in carica. Sulla possibilità di poter alzare nuovamente al cielo la coppa, il centrale nerazzurro ha dichiarato: "Sì, ci crediamo. Non eravamo favoriti neppure nel 2021".
Italia,Antognoni torna capo delegazione della Nazionale Under 21
Italia,Antognoni torna capo delegazione della Nazionale Under 21
“Giancarlo è tornato a casa, sono felice che abbia accettato il ruolo di capo delegazione dell’Under 21". Il presidente federale Gabriele Gravina ha commentato con queste parole il ritorno in casa azzurra del campione del mondo nel 1982, Giancarlo Antognoni. L’ex bandiera della Fiorentina torna nel ruolo di capo delegazione della Nazionale Under 21, dopo aver ricoperto il ruolo tra il 2015 e il 2017. “Ambivo a tornare - ha affermato Antognoni - il presidente Gravina mi ha dato questa opportunità e lo ringrazio molto per la fiducia, che saprò ricambiare come ho sempre fatto. Il sogno per chi inizia a giocare a calcio è quello di indossare la maglia azzurra, io sono riuscito a realizzarlo quando avevo vent’anni per poi realizzarne uno ancora più grande diventando campione del mondo. Ai ragazzi che troverò in Under 21 e che andranno a rappresentare l’Italia in campo internazionale cercherò di trasmettere quei valori che ho sempre avuto, primo tra tutti il rispetto per la maglia azzurra”.
Uva su Euro 2024: "Sarà il torneo più sostenibile di sempre"
Uva su Euro 2024: "Sarà il torneo più sostenibile di sempre"
Michele Uva, direttore per la sostenibilità sociale e ambientale dell'UEFA, durante la presentazione di Euro 2024 in Germania a Villa Almone ha parlato di sostenibilità. "E' la prima volta che c'è un investimento di 32 milioni di euro solo sulla sostenibilità, è il più grande investimento fatto dalla Uefa su questo tema. Abbiamo creato attività in Germania per lasciare una legacy sul territorio post evento. Da qui in avanti il benchmark sarà Euro 2024, per questo poi toccherà a voi italiani e amici della Turchia raggiungere questo modello". "L'approccio strategico si è basato sulla parte sportiva, facendo in modo che ci fosse una sostenibilità sportiva con 10 stadi bellissimi, senza costruirne di nuovi, ma implementati a livello sostenibile. Tutti raggiungibili in treno".
Igor Protti: "I Roberto Baggio non ci sono più"
Igor Protti: "I Roberto Baggio non ci sono più"
Igor Protti, lui che come capocannoniere portò il Livorno in Serie B dopo trentun anni e che nonostante lo stesso primato, non riuscì a salvare poi il Bari, diventando il primo giocatore della storia di Serie A a retrocedere guidando la classifica marcatori, è stato intervistato da TuttoMercatoWeb.com a Coverciano ai margini dell'evento Digital Cup 2024. L'ex attaccante tra le tante di Bari, e Lazio ha espresso nell'occasione anche il suo pensiero sulla Nazionale italiana in vista di Euro2024.  "Stiamo facendo un po' fatica dal punto di vista realizzativo, da molti anni. Ma Spalletti ha dimostrato le sue qualità: ora dobbiamo sperare, come sempre, nel gruppo più che nel singolo, come abbiamo sempre fatto anche in passato. I Roberto Baggio non ci sono, lui faceva la differenza".
ITALIA

Copyright © 2024 TuttoEuropei.com
Euro 2024

Parte del Newtwork di TMW
® tuttoeuropei.com - Tutti i diritti riservati